Breadcrumb
CORESINA IN CADUTA LIBERA. ALTRO KO IN CASA

CORESINA IN CADUTA LIBERA. ALTRO KO IN CASA

Il ko più pesante, nel momento forse più importante della stagione. La Coresina continua ad allungare la striscia negativa sul campo di casa, e lo fa in quella partita che non si doveva perdere. E che invece si è persa, ancora, nel giorno in cui il Guidonia batte l’Olevano e il Palombara viene fermato dal vento contro la capolista Lepanto (gara sospesa). Sono almeno 8 i punti che ora separano i bianconeri dai play-out, un baratro che inizia ad essere consistente, e che testimonia per l’ennesima volta la grande difficoltà dei bianconeri di uscire da una crisi che ormai dura da quasi tre mesi.

 

Eppure, ancora una volta, la gara era iniziata sotto il migliore degli auspici: al 18’ D’Ascenzi si inventa un lancio in profondità per Sacripanti, che tutto solo davanti alla porta calcia addosso a Balestrieri. Sembra un film già visto, e infatti alla prima vera azione offensiva il Sant’Angelo passa: Petrivelli perde in maniera più che ingenua una palla facle in difesa, e nel tentativo di recupero fa ancora peggio, toccando la sfera con la mano in area: rigore per gli ospiti. Dal dischetto va l’esperto Ferramini, che si fa ipnotizzare dal giovane Antonini, alla sua prima da titolare in porta. La respinta del portiere bianconero però è corta, e nella dormita generale della difesa Ferramini può comodamente ribadire in porta un rigore che era sbagliato: 0-1. Nel finale cala il sipario per i padroni di casa: Ceccarelli dice qualcosa di troppo all’arbitro, e nel giro di 10 secondi rimedia due cartellini gialli in sequenza, lasciando i compagni con l’uomo in meno. Piove sul bagnato al Di Tommaso, la Coresina torna negli spogliatoi sotto sia nel risultato che nel conteggio degli uomini. Un conteggio che peggiora ancora, con l’espulsione, sempre per proteste, del tecnico Gianluca Angelucci.

 

Nella ripresa il tecnico cerca di risistemare gli equilibri, inserendo Marcelli per Sacripanti. Sarà il primo di una serie di cambi finalizzato a dare la scossa ad una squadra che, però, non reagisce, e anzi rischia di capitolare in almeno un paio di occasioni. Neanche l’avanzamento di Gerli porta i suoi frutti: l’esterno bianconero non viene quasi mai servito, mentre dall’altra parte Loreti, sempre più simile alla brutta copia del giocatore ammirato la scorsa stagione, impegna tutto il suo tempo a litigare con il pallone, togliendo ogni spinta offensiva alla squadra. Inutili, in questo quadro, gli sforzi emotivi di Filippi e Bouagba, che non riescono a contagiare una squadra già con i remi in barca. Succede poco o nulla fino al triplice fischio dell’arbtiro, che sancisce l’ennesima sconfitta dei bianconeri. La più pesante, senza ombra di dubbo, nell’economia di un campionato che ora si complica e non poco.

 

SPOGLIATOI Nonostante tutto non fa drammi il tecnico Gianluca Angelucci, che a fine partita, da fuori il perimetro del campo, parla di una “prestazione tutto sommato non del tutto negativa. Siamo sempre qui a parlare delle stesse cose, o quasi – commenta il tecnico della Coresina – se analizziamo la partita vediamo, come nelle settimane scorse, un inizio gara a nostro favore, vanificato dall’ennesimo episodio che ci ha condannato. Abbiamo preso il rigore su un errore difficile anche solo da commentare, e come se non bastasse dopo pochi minuti è arrivata un’espulsione che ci ha tagliato le gambe. Da quel punto in poi diventa difficile proseguire ogni tipo di considerazione tecnica. Nella ripresa abbiamo tenuto bene il campo, perché fondamentalmente abbiamo sofferto poco o niente, ma non siamo riusciti a renderci pericolosi. Questo perché, a tutte le difficoltà del momento, si aggiunge anche il fatto che chi dovrebbe fare la differenza in mezzo al campo non solo continua a non farla, ma gioca anche con una relativa sufficienza che a conti fatti è anche dannosa per la squadra. E se si pensa che questi elementi sarebbero in teoria i migliori dell’organico si ha chiaro il quadro di che situazione stiamo vivendo in questo momento. Purtroppo questa è la squadra, e questi sono i nostri limiti. Finché non li supereremo sono ben pochi i ragionamenti o le analisi che si possono fare”.

 

Di certo questa sconfitta arriva nel momento peggiore, visto che le dirette rivali per la salvezza fanno, in un modo  o nell’altro, un significativo passo in avanti, mettendo la Coresina in una situazione davvero brutta. Bastava vedere la faccia di alcuni dirigenti, a fine partita, per capirlo. E non è escluso che la stessa dirigenza prenda provvedimenti, nel corso della settimana, nei confronti di alcuni giocatori della rosa.

 

SS PASSO CORESE-SANT’ANGELO ROMANO 0-1

 

SS PASSO CORESE Antonini, Gerli, Petrivelli, Ceccarelli, Marinelli, Bouagba, Sacripanti (1’st Marcelli), Filippi, Mastinu (18’st Passarani), Loreti, D’Ascenzi (15’st Gara). A disp.: Festuccia, Serratore, Manna, Di Genova. All.: Angelucci

 

SANT’ANGELO ROMANO Balestrieri, Ricci, Giallombardo, Ferramini, Dominici, Grasso, De Cenzo (35’st Niro), Aversa (44’st De Angelis Daniele), Ciofi (47’st Golia), Marocchi, Costanzo. A disp.: D’Artibale, Leggero, De Angelis Daniel, Ushe. All.: Lucani

 

ARBITRO Ferrara di Roma Due (Risa di Roma Due, Ferrera di Albano Laziale)

 

RETE 34’pt Ferramini (SA)

 

NOTE al 44’pt espulso Ceccarelli (PC) per doppia ammonizione. Ammoniti Gara, Petrivelli, Aversa. Al 34'pt Antonini para un rigore a Ferramini

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Aggiungi a Digg Aggiungi a Google Bookmarks Condividi su MySpace Aggiungi a Technorati

Campionato

Ultimo incontro

LICENZA
23° giornata
17/02/2019
S.S. PASSO CORESE
3
 
4

Prossimo turno

S.S. PASSO CORESE
24° giornata
24/02/2019
VICOVARO
 
BigMat - EDILTUTTO Consulting & Co. Simply professional logilux L'Antica Bottega

informazioni

® 2015 A.S.D. S.S.Passo Corese | Tel: 338.522.11.61 - Fax: 0765.19.30.876 | Campo sportivo: "Amerigo Di Tommaso", Via Villemur sur Tarn, snc - Passo Corese (Ri)