Breadcrumb
CORESINA KO A TESTA ALTA CON LA VALLE DEL TEVERE

CORESINA KO A TESTA ALTA CON LA VALLE DEL TEVERE

Una sconfitta è una sconfitta, soprattutto se non cambia le cose in una classifica già di suo deficitaria. Ma a guardare bene in fondo, quella rimediata contro la Valle del Tevere, squadra seconda in classifica e in piena lotta per la vittoria del campionato, è una sconfitta quasi "indolore" per la Coresina di Gianluca Angelucci, che gioca forse la sua partita migliore nelle ultime settimane, al cospetto di un avversario di rango superiore. La classica "sconfitta a testa alta", come si dice in gergo, che se da una parte lascia tutto com'è, dall'altra parte infonde non poca fiducia ai bianconeri, in vista dei prossimi, cruciali impegni di stagione. Perché la corazzata di Stefano Scaramazza ha sofferto, e non poco, per portare a casa i tre punti, con un avversario ben messo in campo, che ha reagito prima e lottato fino alla fine poi. 2-1 il risultato finale al Comunale di via del Passeggio.

 

LA GARA Rispetto a 7 giorni fa Angelucci cambia molto, soprattutto indifesa, dove l'assenza di Ceccarelli pesa e non poco. Ecco allora che Loreti torna a giocare terzino a sinistra, come faceva in Serie D. E il risultato è più che soddisfacente, soprattutto nel primo tempo, quando a turno Serratore e Bouagba mordono le caviglie di Jodi Fiorentini, privando la Valle del Tevere della sua principale fonte di gioco. La partita non è il massimo della bellezza, complice anche il brutto tempo, e bisogna aspettare la mezz'ora per vedere il primo tiro in porta. Tiro che Danieli (nella foto in alto con Gerli, entrambi in gol) trasforma in gol da attaccante puro, prendendo palla sull'esterno, accentrandosi e fulminando Mercurio con un rasoterra preciso. Per il capocannoniere del campionato è il 14esimo centro stagionale. Il copione sembra lo stesso delle altre domeniche, e invece la reazione della Coresina non si fa attendere: al 36' Loreti sfugge a Colangelo sulla sinistra, entra in area e calcia quasi di punta, impegnando non poco De Vellis. Sul batti e ribatti la difesa della Valle allontana come può, ma sul pallone di fionda Gerli che calcia al volo e, complice una deviazione di Bianchi, gonfia la rete riportando il risultato in parità. La gara continua a vivere di folate, senza regalare però altre grandi emozioni fino al ritorno negli spogliatoi.

 

LA RIPRESA Si apre con la più imprevedibile delle notizie: Danieli atterra Filippi con un fallaccio che l'arbitro giudica meritevole di cartellino rosso diretto. In un colpo solo la Valle del Tevere perde il suo principale terminale offensivo e i favori del momento. E invece i biancoblu sembrano quasi andare meglio con l'uomo in meno, pur non creando grossi pericoli dalle parti di Mercurio. Fino al 24', quando un'invenzione di Jammeh serve in profondità l'accorrente Jodi Fiorentini, che approfitta del posizionamento fuori sincro della difesa bianconera e batte Mercurio con un piatto velenoso ad incrociare. E' il gol che ribalta di nuovo le sorti del match. Angelucci avanza Loreti e getta nella mischia il neoacquisto Sirico. La reazione è rabbiosa ma poco lucida, e pericoli i bianconeri non ne creano. Neanche nei minuti finali, quando la Valle del Tevere resta addirittura in 9 contro 11 per l'espulsione di Colangelo, che calcia il pallone lontano su una rimessa laterale per gli avversari, rimediando il secondo cartellino giallo di giornata. Neanche i 5 minuti di recupero bastano al Passo Corese per strappare un pareggio forse anche meritato. Vincono i padroni di casa, che restano in scia della capolista Lepanto e continuano a sperare. Tornano a casa con l'amaro in bocca i bianconeri, ma anche con la consapevolezza di poter lottare fino alla fine per la salvezza.

 

SPOGLIATOI "Al di là del risultato non posso che fare i complimenti ai ragazzi per la prestazione mostrata. Credo che questa sia stata una delle migliori partite giocate finora dai ragazzi, che l'hanno interpretata bene dall'inizio alla fine - commenta a fine partita un soddisfatto Angelucci, nonostante tutto - abbiamo giocato per lunghi tratti alla pari contro una squadra nettamente più forte, che ha in panchina giocatori che a noi permetterebbero di arrivare ai play-off. Siamo stati bravi a tenere il campo in ogni parte, per poi commettere però i soliti errori in difesa, errori che ci costano sempre cari, e che consentono agli attaccanti avversari di segnare sempre. Il gol di Danieli è sì un'invenzione, ma un'invenzione che la nostra difesa ha aiutato, permettendo al giocatore di portarsi la palla sul suo piede. Siamo poi stati bravi a reagire e riportarci subito in partita, anche con un pizzico di fortuna. Nella ripresa l'uomo in più avrebbe dovuto darci una spinta, e invece la partita è rimasta in equilibrio, per merito dei nostri avversari che hanno tenuto bene. Clamoroso il nostro errore sul secondo gol di Fiorentini. Purtroppo gli episodi ci condannano, ma alla fine oggi si è visto un progresso importante, che ci infonde fiducia per le prossime partite. Sappiamo che il nostro campionato non è contro squadre come la Valle del Tevere, perché il nostro obiettivo è conquistare i play-out e l'ultima carta per la salvezza. E forse, giocando come oggi, è un obiettivo che possiamo ancora raggiungere".

 

Soddisfatto, anche se per metà, anche il tecnico Stefano Scaricamazza. "Siamo dei campioni a complicarci la vita - dice sorridendo il tecnico della valle del Tevere - nel primo tempo abbiamo spinto poco, lasciando molti spazi ai nostri avversari. Mi è piaciuta molto invece la reazione dopo un'espulsione che a mio avviso è davvero troppo severa; da quel punto in poi ho visto la vera Valle del Tevere, che ha lottato e si è andata a prendere una vittoria importante, contro una squadra che a dispetto della classifica gioca molto bene. Non commento la seconda di espulsione, che solo gli arbitri hanno visto. Forse - sorride - la prossima volta cercheremo di vincere una partita anche in 8 contro 11, perché è la seconda partita che finiamo in 9. Tutto sommato bene così, teniamo il passo del Lepanto e restiamo in corsa".

 

Da sottolineare, anche se ormai non fa più notizia, l'ennesima, costante presenza dei tifosi del Passo Corese sugli spalti del Comunale di Forano, che per tutta la partita hanno sostenuto la squadra, applaudendo a fine gara, e non facendo mai mancare il loro supporto, indipendentemente da quale sia il campo di gioco.

 

ASD VALLE DEL TEVERE-SS PASSO CORESE 2-1

 

ASD VALLE DEL TEVERE De Vellis, Colangelo, Renelli, Fiorentini, Bianchi, Nardi, Jammeh, Morici (10'st Giannetti), Danieli, Marvelli (39'st Scaricamazza Sim.), Masciarelli (21'st Di Giovanni). A disp.: Scevola, Manga, Grizzi, Danso. All.: Scaricamazza Ste.

SS PASSO CORESE Mercurio, Serratore, Loreti, Marcelli (31'st De Angelis), Marinelli, Bouagba, Gerli, Filippi, Mastinu (13'st Sirico), Passarani, D'Ascenzi (4'st Petrivelli). A disp.: Antonini, Ribaldi, Madonia, Manna. All.: Angelucci

ARBITRO Marchioni di Rieti (D'Albore di Roma Due-D'Ascoli di Roma Uno)

 

RETI 32'pt Danieli (VDT), 36'pt Gerli (PC), 24'st Fiorentini (VDT)

 

NOTE espulso al 4'st Danieli per gioco pericoloso, al 41'st Colangelo per doppia ammonizione. Ammoniti Bouagba, Sirico, Marinelli, D'Ascenzi

 


 

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Aggiungi a Digg Aggiungi a Google Bookmarks Condividi su MySpace Aggiungi a Technorati

Campionato

Ultimo incontro

PALESTRINA 1919
31° giornata
10/04/2019
S.S. PASSO CORESE
2
 
0

Prossimo turno

S.S. PASSO CORESE
32° giornata
28/04/2019
ATLETICO ZAGAROLO
 
BigMat - EDILTUTTO Consulting & Co. Simply professional logilux L'Antica Bottega

informazioni

® 2015 A.S.D. S.S.Passo Corese | Tel: 338.522.11.61 - Fax: 0765.19.30.876 | Campo sportivo: "Amerigo Di Tommaso", Via Villemur sur Tarn, snc - Passo Corese (Ri)